Drop & Luminous: L'Applicazione perfetta con i consigli di Regina

LE NOSTRE CERTIFICAZIONI: CCPB

Che differenza c’è tra un prodotto convenzionale e uno biologico?


La prime due domande che rivolgono solitamente a noi organismi di certificazione sono “che differenza c’è tra un prodotto convenzionale e uno biologico?” e “ma davvero è tutto bio?”. Due richieste che mostrano come i consumatori vogliano soprattutto conoscenza e certezze e la certificazione serve proprio per offrire in modo credibile queste garanzie.

Cosa c’è nei cosmetici biologici e naturali

Alla prima domanda rispondiamo che nei cosmetici certificati biologici e naturali non si utilizzano derivati di origine petrolifera, paraffine, formaldeide e profumi di origine sintetica. Questi ingredienti, abituali nei cosmetici convenzionali, sono sostituiti da derivati vegetali, ad esempio da agricoltura biologica o da materie prime naturali.

Nel primo caso per essere definito bio, un cosmetico deve contenere un minimo del 95% di ingredienti biologici sul totale degli ingredienti naturali ed il 10% sul totale degli ingredienti; nel secondo per essere un cosmetico naturale deve contenere almeno il 95% di ingredienti naturali o di origine naturale. Entrambi sono più sicuri per la salute del consumatore e più sostenibili dal punto di vista ambientale. Queste regole e parametri sono fissati da standard di certificazione elaborati da CCPB, elaborati da un Comitato tecnico scientifico costituito da esperti del settore che hanno messo a frutto tutta la loro esperienza in questo campo per cercare di dare garanzie al consumatore finale.

Il make-up biologico

La composizione e provenienza degli ingredienti è molto importante nel caso di prodotti da make-up, perché vengono a contatto direttamente con il viso. Basti pensare all’area perioculare, il cosiddetto contorno-occhi, una zona dove la pelle è molto sensibile e delicata, per cui scegliere cosmetici che la rispettino è molto importante. Anche per il rossetto è necessario porre particolare attenzione visto che una donna mangia, nella sua vita, circa un chilo di rossetto, ovvero il 70% di quello che mette sulle labbra!

Il ruolo della certificazione

Il ruolo della certificazione è quello di verificare che tutte le regole fissate negli standard siano rispettate. Per questo CCPB controlla non solo tutta la documentazione relativa agli ingredienti utilizzati nelle formule, ma anche che siano rispettati i requisiti all’interno delle officine di produzione; tutto questo è poi supportato anche da analisi per verificare la presenza di fitofarmaci e Ogm.

Come si legge un’etichetta

Nella confezione sono quindi presenti l’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), la denominazione internazionale utilizzata per indicare in etichetta i diversi ingredienti presenti all’interno di un prodotto cosmetico e il logo dello standard per cui il prodotto è certificato. Riconoscere un INCI non è semplice per i consumatori, per cui verificare sempre la presenza di una certificazione, e quindi di un logo come di seguito riportati, può diventare una garanzia che all’interno di quel prodotto cosmetico non siano contenuti ingredienti dannosi per la pelle.

Maggiori informazioni su www.ccpb.it

Di Carla Pinti, CCPB Ufficio Controllo e Certificazione di Prodotto, settore Cosmesi